*** Benvenuto nel nostro nuovo Forum di supporto. Disponibili le ultime novità dal mondo delle console, gli ultimi modchip presenti sul mercato e tutte le informazioni necessarie per rendere universale la tua console: I modder più conosciuti non esiteranno a fornirti le specifiche più comuni: registra subito il tuo account... Buona navigazione. ***

Torna indietro   Consolelab.it Forum > Off Topic > Varietà di Informazioni

Varietà di Informazioni Meglio se comiche...

Rispondi
LinkBack Strumenti discussione Modalità visualizzazione

Inter, scudetto numero 18 Milito-gol per il tricolore
Non letto 16-05-2010, 17.07   #1 (permalink)
Posseduto dalla Console
 
L'avatar di Marco_Borghi
 
Marco_Borghi non è collegato
Data registrazione: 20-11-2005
Residenza: Milan
Messaggi: 1,625
Marco_Borghi è su una strada distinta
Marco_Borghi RSS Feed
Thumbs down Inter, scudetto numero 18 Milito-gol per il tricolore

SIENA, 16 maggio 2010 - Sedici e diciassette: ecco il diciotto. Non è una successione numerica scontata: ore 16.17, Zanetti penetra verso l’area e tocca per Milito. Il Principe taglia fuori il difensore con un semplice movimento del corpo, e infila di diagonale di destro. E’ il gol che vale lo scudetto numero 18 per l’Inter: la Roma resterà campione solo per 36 minuti, la 22ª rete in campionato dell’argentino la rispedisce a -2. Poi un po’ di sofferenza, prima dell’urlo "i campioni d’Italia siamo noi". Mourinho corre dentro gli spogliatoi, i giocatori saltano in campo, mentre si monta il palco per la premiazione. Il braccio di ferro è finito, ma potrebbe non essere finita: il sogno di "triplete" continua, il secondo "titulo" è in bacheca.

GOL SCUDETTO — Al gol di Milito entra in campo tutta la panchina (solo Mou mantiene un certo aplomb), mentre chi era in campo finisce sotto la curva, quella piena di interisti. E’ una festa scudetto anticipata, che verrà ripresa 30’ dopo: è anche una liberazione, perché per un’oretta un pizzico di paura viene. Il 5 maggio è stato esorcizzato: non succederà un altro patatrac, ma se succede? Il dubbio si insinua nei cuori interisti per i gol della Roma, per qualche lancio in avanti alla cieca di troppo, per alcuni balbettii "vecchio stile" dei veterani, per una paratona di Curci a inizio ripresa. Paura? Ci pensa Milito: la firma scudetto non poteva che essere sua.

LA PARTITA — Ci si aspettava un assalto alla diligenza sin dal primo minuto, invece l’Inter parte con ritmi bassi, peccando in intensità per tutto il primo tempo. Nonostante sia sottogiri, la squadra di Mourinho, schierata col solito 4-2-3-1, crea pericoli. Si parte quasi sempre da destra, con cross anche dalla trequarti, di Maicon, che vanno a pescare quasi sempre Balotelli. Mario è stato preferito a Pandev: ci prova di testa, poi fa la sponda per Milito, poi si inventa una girata al volo che colpisce la traversa (38’). Curci metterà insieme almeno quattro parate, tutte d’istinto e tutte senza tuffarsi, compresa una su un tacco di Eto’o: più centrato che miracoloso. La mossa per sbloccare la situazione è inserire la quarta punta: esce Motta. Il rischio paga, dopo il gol subito Stankovic per Balotelli.

SIENA DECOROSO, DOMINIO INTER — Nonostante l’invasione nerazzurra, il pubblico senese spinge i suoi: alle 15.41 esulta per il gol di Vucinic, prima e dopo si dispera per le occasioni fallite da Ekdal e Jajalo, e si infiamma per la bomba da fuori provata da Maccarone. Il Siena gioca: non proprio alla morte, ma almeno non si scansa. Sarà un caso, ma fra i più attivi c’è Aleandro Rosi, giallorosso in comproprietà, che sfiora persino l’1-1 con un tiro cross. Da Roma non potranno rimproverare nulla, a lui e ai suoi compagni. Ma a Verona non ci sarà festa: De Rossi e compagni gliel’hanno fatto sudare, ma l’Inter ha infilato il quinto scudetto. Un dominio: ampliarlo all’Europa è la prossima missione. L’appuntamento è fra sei giorni.


Valerio Clari gazzetta.it
__________________
.... sono in costruzione

Ultima modifica di Marco_Borghi : 16-05-2010 alle ore 17.14.
  Rispondi citando

Ranieri: "Noi veri protagonisti" De Rossi: "Stavolta meritato"
Non letto 17-05-2010, 09.19   #2 (permalink)
Posseduto dalla Console
 
L'avatar di Marco_Borghi
 
Marco_Borghi non è collegato
Data registrazione: 20-11-2005
Residenza: Milan
Messaggi: 1,625
Marco_Borghi è su una strada distinta
Marco_Borghi RSS Feed
Ranieri: "Noi veri protagonisti" De Rossi: "Stavolta meritato"

Il tecnico rende onore all'Inter: "Dovevano vincere lo scudetto, sono stati bravi. Ma noi siamo stati la meraviglia del campionato". Il centrocampista ammette: "Sono un po' cotto. Avrei fatto cambio con Cambiasso". Nel senso scudetto alla Roma e niente Mondiale. E a Fiumicino un migliaio di tifosi accolgono la squadra in festa. Il ringraziamento di Totti

VERONA, 16 maggio 2010 - Totti guarda la curva imbottita di romanisti. Gli occhi gli si riempiono di lacrime. Il capitano è stato protagonista di una grande stagione, ha segnato tanto (è capocannoniere della Roma con Vucinic con 14 gol), ma non è bastato. Piange. Poi tenta di nascondere la delusione. Anche De Rossi fatica a sorridere. Lui allo scudetto ci teneva parecchio e lo ammette candidamente a fine partita, mentre su Sky è collegato con Cambiasso: “Farei volentieri a cambio con lui, non convocato per il Mondiale ma campione d’Italia. Anche perché sono un po' cotto... Ci sarà tempo per ritrovare la condizione per il Sudafrica. Però rispetto allo scudetto del 2008 l'Inter ha meritato di più questo”. E Perrotta: “La nostra è stata una grande stagione, ma qualche rammarico c’è, tra la partenza difficile e la sconfitta con la Samp. L’Inter ha meritato di vincere, ma alla Roma do un bel 9,5: è mancata solo la ciliegina sulla torta”. Burdisso ci sperava ma sorride lo stesso: “Abbiamo creduto nel miracolo. Era difficile, ne faremo tesoro per il prossimo anno. Non c’è nessun rimpianto però, soltanto gioia”.

ROMA PROTAGONISTA — Ranieri sembra il più tranquillo, forse è solo quello che nasconde meglio la delusione. “L’Inter doveva vincere. E sono contento per Moratti che dopo aver speso tanto adesso continua a raccogliere. A lui faccio il mio in bocca al lupo per la Champions. I miei giocatori però hanno fatto qualcosa di straordinario. Quando sono arrivati la Roma era ultima a zero punti, la squadra era piena di tensioni e paura. Non era facile partire da dietro e arrivare su in cima: abbiamo ridato al campionato vigore e simpatia. Abbiamo dato davvero il massimo, è da luglio che questi ragazzi lottano”. Rimpianti? “Nessuno, davvero. L’Inter è una squadra costruita per vincere, infatti nessuno si meraviglia che ci sia riuscita. La meraviglia è la Roma, la vera protagonista di quest’annata è la Roma. La Samp? Non abbiamo sbagliato la partita, abbiamo sbagliato solo quindici minuti. Peccato”. Sulla questione arbitri Ranieri è chiaro: “Collina forse ha fatto un campionato migliore del nostro, non era facile stare accanto ai suoi uomini, proteggerli, dare loro fiducia nonostante quest’ambiente di sospetti”. Impossibile non parlare di Mourinho: “A volte è stato un po’ scortese, ma ho sentito che ha citato Sartre, è giovane, sta migliorando…”.

il ringraziamento di totti — Il pensiero del capitano arriva attraverso il suo blog. Sfogata sul campo una parte dell'amarezza sul charter che riporta la squadra nella capitale, Francesco resta a lungo a parlare con il compagno e amico Cassetti. Nel frattempo però ha trovato il tempo di dettare il suo pensiero per i tifosi che arriva online: "Abbiamo fatto tutto quello che potevamo. Abbiamo dato tutto quello che avevamo. E' il momento di ringraziare i nostri sostenitori ancora una volta, perché non è mai abbastanza. Le emozioni di questa stagione sono da dedicare interamente a loro. Sono tifosi speciali... anzi di più, sono unici. Loro sono il vero cuore della Roma. Loro sono la Roma. Grazie".

I TIFOSI in festa a fiumicino — Al Bentegodi erano ventimila, alla fine sono entrati anche quelli senza biglietto. Sono rimasti sempre vicini alla squadra, hanno cantato ininterrottamente, ma alla fine hanno fatto partire qualche coro contro Rosella Sensi. Roma intanto ha accolto da vincitrice la squadra: a Fiumicino, dove Ranieri e i suoi ragazzi sono atterrati alle 20.30, sono in due mila a urlare "campioni, campioni". Il pullman, che ha raccolto la squadra sotto la scaletta dell'aereo, è stato preso d'assalto al passaggio esterno. Un fiume di gioia con un ragazzo che è addirittura riuscito ad entrare dal tetto. Acrobata pur di abbracciare i propri beniamini.

Elisabetta Esposito - Gazzetta.it
__________________
.... sono in costruzione
  Rispondi citando
Rispondi

Tags
campionato 2009/2010, inter campione d'italia, scudetto 18

Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Attivato
Trackbacks are Attivato
Pingbacks are Attivato
Refbacks are Attivato


Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Grande inter: È tripletta Marco_Borghi Varietà di Informazioni 0 23-05-2010 00.37
Roma - Real Madrid 2-1 e Liverpool - Inter 2-0 prj0307 Varietà di Informazioni 0 20-02-2008 06.42



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 22.31.


Empowered by DVDMod.it
Powered by vBulletin versione 3.8.7
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.


[Valid RSS feed]

Portions of this site are protected under the Creative Commons License.
We are not affiliated with Sony Computer, Microsoft or Nintendo.
As this is a public forum, we are not responsible for contents. All posted content
is Copyright of their respective owners.